E-mail Stampa PDF

Minacce

A livello europeo la principale minaccia che affligge la specie e che è responsabile del suo declino nell’areale occidentale è costituita dall’uso massiccio e diffuso dei rodenticidi per sterminare le arvicole. Questi prodotti, sparsi a tonnellate nei campi, determinano l’avvelenamento indiretto dei nibbi reali, che si cibano dei piccoli roditori morti o morenti.

Anche l’avvelenamento diretto, causato dall’ingestione di bocconi avvelenati sparsi per uccidere roditori, volpi o altri predatori, è una frequente causa di morte.

A queste minacce vanno ad aggiungersi i cambiamenti dell’habitat e soprattutto la sostituzione di pascoli e praterie con coltivazioni intensive (mais), la persecuzione diretta, l’elettrocuzione, l’impatto contro le pale eoliche e la deforestazione. Altro importante fattore che sta incidendo negativamente sulle popolazioni francese e, soprattutto, spagnola riguarda la chiusura di molte discariche.

Per quanto concerne la popolazione italiana, le principali minacce vengono considerate:

  • le linee elettriche a media tensione, che possono provocare la morte per folgorazione dei nibbi reali così come di altre specie di uccelli;
  • il disturbo nei siti di nidificazione;
  • il bracconaggio;
  • l’uso di bocconi avvelenati;
  • l’impatto contro le pale eoliche;
  • la chiusura delle discariche.

Nibbio reale morto folgorato


Boccone avvelenato


Nibbio reale ucciso da una pala eolica


Nibbio reale con la punta di un’ala amputata da una pala eolica
 
  Copyright © - Comunità Montana Amiata Grossetano, P. IVA 00243690534
Tutti i diritti riservati. Il sito è realizzato
con il contributo del Programma LIFE+ della Comunità Europea.