Home Il nibbio reale
E-mail Stampa PDF

Il nibbio reale

Il nibbio reale è uno tra i rapaci più belli ed eleganti presenti in Europa. Ha una silhouette inconfondibile sia per le lunghe ali che per la coda sporgente, più stretta alla base e forcuta. Vola con una straordinaria agilità, spesso aprendo e ruotando la coda, che gli è valsa il nome volgare inglese di “red kite” ossia “aquilone rosso”.

La specie è parzialmente migratrice. Le popolazioni dell’Europa centrale, settentrionale ed orientale lasciano le aree di nidificazione nel periodo autunnale e migrano verso Ovest e verso Sud (Penisola iberica, Italia, sino alla Turchia).


Caratteristiche

Apertura alare: 160-180 cm.

Piumaggio: nell’adulto per lo più bruno-rossiccio, con testa grigio chiaro. Punta delle ali nera e parti inferiori delle ali con macchie bianche. Coda profondamente forcuta. Sessi identici.

Peso: 900 – 1.200 gr


Distribuzione

Il nibbio reale è una specie endemica del Paleartico occidentale. Nidifica dalla Penisola iberica sino all’Europa orientale (Ucraina e Bielorussia) ed alla Svezia meridionale. Una piccola popolazione è presente in Marocco. La popolazione mondiale viene stimata tra le 21.000 e le 25.000 coppie, il 95% delle quali nidificanti in Europa (Birdlife International, 2008).

Per dettagli sulla distribuzione del nibbio reale:
www.iucnredlist.org/apps/redlist/details/144330/0/rangemap








Conservazione

Il nibbio reale, a livello globale, ha uno stato di conservazione prossimo alla minaccia secondo l’IUCN (International Union for Conservation of Nature and Natural Resources, 2010) perché alcune popolazioni stanno soffrendo un netto declino causato soprattutto dall’avvelenamento diretto, per ingestione di bocconi avvelenati, o dell’avvelenamento indiretto, per l’ingestione di piccoli mammiferi avvelenati da rodenticidi, prodotti di cui viene fatto un massiccio uso in molti paesi dell’Europa centrale per sterminare le arvicole.


Trend delle popolazioni europee dal 2000 al 2008 (da A. Aebischer)

Habitat: campagne di zone collinari e basso-montane con alternarsi di campi, pascoli e boschi.
 
Riproduzione: su alberi, più raramente su rocce. Per costruire il nido utilizza rami, lana di pecora, stracci ed anche pezzi di plastica ed altri rifiuti.

Corteggiamento: febbraio-marzo

Deposizione: marzo-aprile

N. uova: 1-4 (solitamente 2-3)

Incubazione: 31-32 giorni

Giovani: lasciano il nido tra i primi di giugno e metà luglio.


Nido nel Cantone di Friburgo (Svizzera)

Dieta: molto varia. Include carogne, rifiuti, piccoli mammiferi, invertebrati (molto graditi i lombrichi e gli insetti) e piccoli uccelli.

Essendo dotato di un volo non particolarmente veloce e possedendo zampe e becco piuttosto deboli, difficilmente il nibbio reale caccia prede vive che, per lo più, sono rappresentate da topi,

 
  Copyright © - Comunità Montana Amiata Grossetano, P. IVA 00243690534
Tutti i diritti riservati. Il sito è realizzato
con il contributo del Programma LIFE+ della Comunità Europea.